La tana del Bianconiglio

Le mie foto
spinea, venezia, Italy
C’è qualcosa che non dobbiamo temere: i mostri. Non si combattono-non si devono temere. Immobili a fissare i “mostri”. Fermi senza far nulla, perché quando non sia che fare allora si deve restare fermi. Sarà il mostro a volgere lo sguardo altrove, sarà lui a scomparire.

venerdì 31 maggio 2013

Augustin Lesage


Augustin Lesage è nato a Saint-Pierre-les-Auchel il 9 agosto 1876 .

All'età di 7 anni perde la sorella minore Marie, più giovane di quattro anni.
Inizia a lavorare in miniera a 14 anni . Di li a poco ,muore di cancro la madre .
All'età di 18 anni incontra quella che sarà la futura moglie e con la quale ha una figlia nel 1895 . 
All'età di 20 anni, viene arruolato nei reggimenti di Dunkerque e Lille, e torna nel 1900 per riprendere "la vita di lavoratore in miniera."
Una sera nel 1911 , all'età 35 anni, sente nel fondo della miniera una voce che dice:"presto tu sarai pittore".
Sotto l'influenza di quello che ritiene essere lo spirito di sua sorella Marie(morta all'età di tre anni)inizia i suoi primi disegni automatici. Riceve anche messaggi attraverso la scrittura automatica:
"Le voci che hai sentito erano vere. Un giorno sarai un pittore. "
Poi, dopo qualche tempo, lo spirito gli dice:
"Non temere, un giorno sarai un pittore e le tue pitture saranno oggetto di scienza. Non cercare di capire". Lesage allora compra l'attrezzatura(suggerita attraverso la scrittura automatica)e va a lavorare. 
Poi arriva il messaggio:"Ora puoi lavorare sulla tela."

Chiede ad un amico di procurargli una piccola tela, ma ne riceve una di tre metri.
Vorrebbe tagliarla ma riceve un messaggio dal suo spirito:"Non tagliare la tela.. Segui le istruzioni, la riempiremo alla perfezione. Mettiti della vernice(cioè dipingi)".
Inizia una tela monumentale(che può ancora oggi essere vista  alla Collection de l'Art Brut )e comincia  partendo dall'angolo in alto a destra; la tela sarà terminata nel giro di due anni.
"Ogni notte ho lavorato fuori dalla miniera. Ero stanco, ma la stanchezza andava via non appena iniziavo a dipingere".
A partire dal Luglio 1913 , Augustin Lesage interrompe il suo lavoro presso la miniera per perseguire l'attività di guaritore. Decine di pazienti affermano di essere stati guarito da lui, e riesce inoltre ad ottenere una assoluzione dinanzi al giudice, nel gennaio 1914 , per  pratica illegale della medicina .
Viene chiamato in guerra fra il 1914 e 1916. . Al suo ritorno, riprende a dipingere e non abbandonerà più l'arte fino alla sua morte.
Nel 1921 , riceve la visita di John Meyer, direttore della rivista spiritualista . 
Ben presto diviene il suo protettore, che consente ad Augustin Lesage finalmente di lasciare la miniera nel 1923 per dedicarsi interamente alla pittura.
Nel 1925 espone due dipinti presso la Casa di spiritisti a Parigi. Successivamente tiene la sua prima mostra pubblica al Congresso Spiritista Internazionale, dove incontra Leon Denis e Sir Arthur Conan Doyle . Questo è l'inizio di una serie di mostre, tra cui: Salon des Beaux-Arts , Salon d'Automne a Parigi , e anche al Salon degli artisti francesi .
Nel 1927 viene invitato dal Dr. Osty all' intituto psichico internazionale , un club privato fondato nel 1920 su iniziativa di scienziati che intendono studiare in maniera razionale i fenomeni paranormali. Qui si esibisce di fronte a un vasto pubblico, dipinge una tela di 2 metri x 1.50 m e, una volta terminata ne inizia una seconda di dimensioni più modeste. 
Le intervista che gli vengono fatte venegono pubblicate nel 1928 sul giornale psichico.
Alla fine del 1938, Augustin Lesage dipinge una tela chiamata "Harvest egiziano" , dove ci sono diverse figure e scene dell'antico Egitto. Nel 1922(qualche anno prima dunque)Lesage sente la voce; un avvertimento da parte degli  spiriti: "Quando dipingerai la mietitura del grano in Egitto, il percorso verso il Nilo sarà molto vicino. "
E in effetti, nel 1939 a Febbraio, Lesage e i suoi amici vanno ad Alessandria. 
Sulla barca, Lesage, dice: "Le mie guide mi hanno detto che troverò un affresco egizio raffigurante scene di vendemmia."
Il soggiorno inizia con il Cairo , ma è nella Valle delle Regine vicino a Luxor , che accade qualcosa. 
Lesage e compagni sono invitati a visitare la tomba di un egiziano chiamato Menna, lo stupore del gruppo è grande quando vedono su una parete la stessa scena di vendemmia che aveva dipinto Lesage un paio di mesi prima. Lesage si convince di essere stato Menna in una vita precedente.
Le sue parole:"ho visto questo paese che ho tanto amato, dove ho vissuto e lavorato."

Alcuni parlano dell'episodio come una prova inconfutabile della medianità di Lesage. 
Essa si basa in gran parte sulla affermazione che Lesage non aveva visto l'affresco egiziano prima della partenza. Ma questo non è basato infatti questo dipinto è citato in un libro del 1905 , e riprodotto in diverse pubblicazioni prima del 1930 quindi alcuni sostengono che lui avesse visto l'immagine.
Lesage muore il 21 febbraio 1954 , ha lasciato quasi 800 opere suddivise in collezioni private e pubbliche.


Augustin Lesage ,Lo spirito della piramide , 1926

Augustin Lesage , Lo spirito della Piramide , 1926(particolare)


Augustin Lesage ,Lo spirito della piramide, 1926(particolare)
Augustin Lesage. Una composizione simbolica del Mondo Spirituale.1923
Augustin Lesage(titolo non noto)
Augustin Lesage. I misteri dell'antico Egitto.

Nessun commento:

Posta un commento