La tana del Bianconiglio

La mia foto
Palermo e Spinea , Sicilia e Venezie , Italy
Realizzo illustrazioni con matite acquerellabili e/o acquerelli.I protagonisti principali dei miei lavori sono creature grottesche, mostruose, deformi, freaks. Rappresento lo zero,ossia il caos dal quale tutto ha inizio e nel quale tutto ritorna. Sono in grado di assumere qualsiasi identità,e al tempo stesso non ne ho nessuna: sono il principio e la fine. Io sono quanto esiste prima e dopo il concepimento,sono il movimento che si protrae all'infinito. Sono il simbolo dell'anticonformismo,rappresento le situazioni imprevedibili.Posso portare occasione negative o positive:posso essere l'ispirazione geniale o il colpo di testa che fa precipitare nel baratro. Posso trovarmi nella parte iniziale dove tutto è possibile nel bene o nel male. Posso trovarmi alla fine di un percorso e tutto ciò che mi precede può mutare.

mercoledì 8 agosto 2012

Il caso Taman Shud

IL CASO TAMAN SHUD

Il caso Taman shud, noto anche come il Mistero dell'Uomo di Somerton, è un caso irrisolto che ruota intorno a un uomo non identificato trovato morto alle 6.30 del 1 dicembre 1948, sul spiaggia di Somerton ad Adelaide in Australia. 
Considerato "uno dei misteri più profondi d' Australia", il caso è stato oggetto di intense speculazioni nel corso degli anni per quanto riguarda l'identità della vittima, gli eventi che portano  alla sua morte e la causa della morte stessa. L'interesse del pubblico per il caso rimane significativo a causa di una serie di fattori: la morte che si verifica in un momento di accresciute tensioni durante la Guerra Fredda, l' uso di un veleno non rilevabile, la mancanza di identificazione, la possibilità di un amore non corrisposto e il coinvolgimento di un segreto codice di un libro molto raro. 
Mentre l'esame del caso è stato incentrato principalmente in Australia, c'è stata anche una copertura internazionale.

Foto scattata dalla polizia all'uomo deceduto.1948.
VITTIMA 

Secondo il patologo Sir John Cleland Burton, l'uomo, di aspetto "britannico", poteva avere circa 40-45 anni ed era in ottime condizioni fisiche Alto 180 cm , con occhi castani,  capelli rossicci, un po' brizzolati intorno alle tempie, spalle larghe, vita stretta,  mani e unghie che non  mostrano segni di lavoro manuale.
Era vestito con un "abbigliamento di qualità", una camicia bianca, cravatta rossa e blu, pantaloni marroni, calze e scarpe e, anche se era stata una giornata calda, portava una maglia marrone, un pullover grigio alla moda europeo e un cappotto marrone doppiopetto.
Tutte le etichette sui suoi vestiti mancavano, e non aveva il cappello (cosa insolita specialmente per qualcuno che indossa un vestito nel 1948). L'uomo era sbarbato e senza segni distintivi, senza identificazione, che ha portato la polizia a credere che si sia suicidato.
L'impronta dentale non ha trovato alcuno riscontro. 
Quando la polizia arrivò, notò la posizione del corpo:  il braccio sinistro dell'uomo era in una posizione diritta e il braccio destro era piegato in due.
Una sigaretta spenta dietro l'orecchio e una sigaretta fumata a metà era a destra del bavero del cappotto tenuto da una guancia.
All'interno delle sue tasche un biglietto dell'autobus utilizzato dalla città di St. Leonards a Glenelg, un insolito biglietto di seconda classe del treno dalla città di Henley Beach, un sottile pettine di alluminio americano, un pacchetto mezzo pieno di gomme da masticare Juicy Fruit, un pacchetto di sigarette Army Club Kensitas  e una scatola di fiammiferi  Bryant & May.  
La fermata dell'autobus per il quale era stato utilizzato il biglietto distava dal corpo circa 1.100 metri a nord. Alcuni testimoni dichiararono che la sera del 30 novembre, avevano visto un individuo simile al morto nello stesso posto dove il cadavere è stato poi trovato.
Una coppia lo ha visto intorno a 19:00 ha notato che l'uomo estendeva il suo braccio destro per poi lasciarlo cadere fiaccamente. Un'altra coppia che lo ha visto alle 19:30-20:00, durante l'accensione delle luci in strada, ha raccontato di non vederlo muoversi , anche se hanno avuto l'impressione che la sua posizione fosse cambiata nell'arco di quella mezz'ora. Aggiungono però che doveva essere morto perché non reagiva alle zanzare, avevano pensato che fosse ubriaco o addormentato, e quindi non hanno indagato ulteriormente.
Quando il corpo è stato trovato alle 6.30 del giorno successivo è stato trovato nella posizione che i testimoni avevano osservato il giorno precedente.
AUTOPSIA 

L'autopsia ha scoperto che la morte doveva essere avvenuta intorno alle 2 del mattino del 1°  dicembre.
"Il cuore era di dimensioni normali mentre parti del cervello erano congestionati.  

C'era la congestione della faringe, dell'esofago e dello stomaco.
Congestione anche nella seconda metà del duodeno
C'era sangue mescolato con cibo nello stomaco.  
Entrambi i reni erano congestionati, e il fegato conteneva una gran quantità di sangue nei suoi vasi, la milza era straordinariamente grande circa 3 volte la dimensione normale -c'era emorragia gastrite acuta, congestione ampia del fegato e della milza, e congestione al cervello".

Il Patologo Dr. Dwyer ha concluso: "Sono abbastanza convinto che la morte non è naturale, il veleno(ho suggerito)è un barbiturico o un ipnotico solubile". Anche l'avvelenamento è rimasto un sospetto principale, all'interno dello stomaco è stato trovato un cibo pastoso che però non si crede possa essere la fonte del veleno. Oltre a questo, il medico legale non ha potuto giungere a una conclusione sull'identità dell'uomo, la causa della morte o se l'uomo visto in vita a Somerton Beach la sera del 30 novembre fosse lo stesso uomo, dato che nessuno aveva visto la sua faccia mentre era in vita.

Scotland Yard è stata chiamata per il caso, ma con scarsi risultati ; una fotografia dell' uomo e i dettagli delle sue impronte digitali furono ampiamente diffuse in tutto il mondo, ma non fu fatta alcuna identificazione.
Dato che il corpo non fu identificato, fu imbalsamato il 10 dicembre 1948.


MEDIA REACTION

                           La X indica la posizione sulla spiaggia di Somerton dove è stato trovato il cadavere.


I due quotidiani di Adelaide, "The Advertiser" e "The News", hanno trattato la notizia in modi diversi.  

The Advertiser: Il manifesto si occupò del caso la prima volta inserendo un piccolo articolo  nell'edizione del 2 Dicembre 1948 intitolato "corpo trovato sulla spiaggia", si legge:
"Un corpo, che si ritiene essere di C.E. Johnson, circa 45 anni, di Arthur St, Payneham, è stato trovato su Somerton Beach, di mattina di fronte "La casa dei bambini storpi". La scoperta è stata fatta dal signor J. Lyons, di Whyte Rd, Somerton. I detective H. Strangway e Constable J. Moss si stanno interessando ".

The News: si occupa della storia dell'uomo sulla sua prima pagina, dando maggiori dettagli del morto.

IDENTIFICAZIONE DEL CORPO 
Il 3 dicembre, E.C. Johnson non era più ritenuto "l'uomo scomparso" dato che si era presentato in una stazione di polizia per identificare se stesso.
Lo stesso giorno la notizia, viene pubblica una fotografia del morto in prima pagina , chiedendo maggiore aiuto da parte del pubblico per l'identificazione del morto. Successivamente la polizia annuncia che le impronte digitali dell'uomo non erano del sud , non trovarono infatti  nulla nei dati della polizia australiani e così iniziarono  a guardare più lontano.  
Il 5 dicembre, l'inserzionista ha riferito che la polizia stava cercando tra i militari dopo che un uomo aveva affermato di aver bevuto con un uomo simile al morto in un albergo di Glenelg il 13 novembre. Mentre bevevano, l'uomo del mistero ha presumibilmente  mostrato una carta di pensione militare che porta il nome "Solomonson".

Ci furono diverse identificazioni possibili del corpo , tra cui uno ai primi di Gennaio 1949, quando due persone identificarono il corpo come quello di un 63enne, ex spaccalegna di nome Robert Walsh.  
Una terza persona, James Mack, visionando il corpo, era inizialmente in grado di identificarlo, ma un'ora dopo ha contattato la polizia per dichiarare che quell'uomo non era Robert Walsh
Mack notò una differenza nel colore dei capelli. Walsh aveva lasciato Adelaide parecchi mesi prima di acquistare le pecore nel Queensland, ma non era riuscito a tornare a casa come previsto. La polizia era scettica, credeva che Walsh fosse troppo vecchio per essere l'uomo morto. Tuttavia, la polizia ha affermato che il corpo era in linea con quello di un uomo che era stato un taglialegna, anche se lo stato delle mani dell'uomo indicava certamente che non aveva tagliato legna da almeno 18 mesi.  
Ogni identificazione fatta fu annullata. La signora Elizabeth Thompson, una delle persone che in precedenza aveva positivamente identificato il corpo come il signor Walsh, ritrattò la sua dichiarazione dopo una seconda visione del corpo, per l'assenza di una cicatrice particolare sul corpo, come così come le dimensioni delle gambe del morto, quindi concluse che il cadavere non era il signor Walsh.

All'inizio del Febbraio 1949, c'erano state otto diverse identificazioni "positive" del corpo.
Nel novembre del 1953, la polizia dichiarò che "l'unico indizio di qualsiasi valore" rimaneva l'abbigliamento che l'uomo indossava.


 LA VALIGIA MARRONE 

              Adelaide Railway Station, dove è stata trovata una valigia marrone, che si ritiene appartenere al morto

Una nuova svolta nel caso si è verificò il 14 gennaio 1949, quando il personale a Adelaide Railway Station scoprì una valigia marrone con l' etichetta rimossa che era stata controllata nel guardaroba della stazione dopo le ore 11:00 del 30 novembre 1948.
All'interno c'era una veste rossa , un paio di pantofole, quattro paia di mutande, pigiami, articoli da barba, un paio di pantaloni marrone chiaro, cacciavite da elettricista, un coltello da tavola , un paio di forbici con punte affilate e un pennello stencil. 
Anche nella valigia è stato trovato del filo di Barbour marchio Orangeun tipo di filo "insolito" non disponibile in Australia, che era lo stesso di quello usato per riparare il rivestimento della tasca dei pantaloni che il defunto aveva addosso.
Tutti i marchi di identificazione degli abiti erano stati rimossi, ma la polizia ha trovato il nome "T. Keane" su un parcheggio, "Keane" su un sacchetto di lavanderia e "Kean"(senza la e ultima);la polizia ritiene che chiunque abbia rimosso le etichette ha volutamente lasciato i tag Keane sui vestiti, sapendo che Keane non era il nome del morto,inoltre le etichette "Kean"  erano gli unici che non potevano essere rimossi senza danneggiare i vestiti.
Inizialmente, i vestiti sono stati collegati ad un marinaio locale, Tom Keane; alcuni dei suoi compagni hanno visto il corpo all'obitorio, e hanno dichiarato categoricamente che il cadavere non era quello di Keane, i vestiti appartenevano al marinaio scomparso. Una ricerca ha concluso che non vi è nessun altro T. Keane scomparso in ogni paese di lingua inglese. Dalle ricerche fatte si evince che il cappotto era stato realizzato negli Stati Uniti, perché era l'unico paese che possedeva la macchina per il tipo di cucitura.
La polizia controllò gli orari dei treni in arrivo e supposero che l'uomo fosse  arrivato in treno di notte da Melbourne , Sydney o Port Augusta.  Pensarono che avesse fatto doccia e barba alle Terme della città adiacenti prima di tornare alla stazione ferroviaria ed acquistare un biglietto per le 10:50 am del treno a Henley Beach, che, per motivi sconosciuti, ha perso o non ha volontariamente preso. Al ritorno dalle terme della città, ha controllato la sua valigia al guardaroba della stazione prima di prendere un autobus per Glenelg. Il professor Derek Abbott, che ha studiato il caso, crede che l'uomo possa aver acquistato il biglietto del treno prima della doccia.
INCHIESTA
Una inchiesta sulla morte, condotta dal coroner Thomas Erskine Cleland, è iniziata pochi giorni dopo che il corpo è stato trovato ma è stata rinviata fino al 17 giugno 1949.  Il patologo Sir John Cleland Burton ha indagato e ha riesaminato il corpo e ha fatto delle scoperte. Cleland ha notato che le scarpe dell'uomo erano notevolmente pulite e lucidate recentemente, difficile da credere per un uomo che si aggira a Glenelg tutto il giorno.
Cleland ha aggiunto che questa può essere la prova che il corpo sia stato portato nella spiaggia di Somerton dopo la morte dell'uomo, il che spiega la mancanza di prove come vomito e convulsioni, i due effetti principali di veleno. 
Thomas Cleland ha ipotizzato che, dato che nessuno dei testimoni ha con certezza identificato l'uomo che ha visto la notte precedente come la stessa persona ritrovata la mattina seguente, rimaneva la possibilità che l'uomo era morto altrove e poi portato in spiaggia. 
Cedric Stanton Hicks, professore di Fisiologia e Farmacologia presso l'Università di Adelaideha trovato, attraverso test su un gruppo di farmaci(estremamente tossici in dosi relativamente piccole per via orale)che è estremamente difficile se non impossibile individuare.
Ha dato al coroner un pezzo di carta con i nomi dei due farmaci che sono stati inseriti come reperto
I nomi non sono stati rilasciati al pubblico fino al 1980; al tempo erano "abbastanza facili da reperire" da un chimico, senza la necessità di dare motivazioni per l'acquisto. Ha notato che l'unico "fatto" non trovato in relazione al corpo era la mancanza di vomito. Ha poi dichiarato di non poter fare coclusioni. 
Hicks ha dichiarato che se la morte era avvenuta sette ore dopo che l'uomo è stato visto l'ultima volta  muoversi, ciò implicherebbe una dose massiccia, che poteva ancora essere inosservabile. È stato osservato che il movimento visto da testimoni alle 19:00 di sera avrebbe potuto essere l'ultima convulsione che precede la morte.
All'inizio dell'inchiesta, Cleland ha dichiarato: "Sarei pronto a dire che è morto per veleno, che il veleno era probabilmente un glucoside e che non è stato accidentalmente somministrato, ma non posso dire se è stato somministrato dal defunto stesso o da qualche altra persona". Nonostante questi risultati, è stato in grado di determinare la causa della morte dell'Uomo di Somerton.
La mancanza di successo nel determinare l'identità e la causa della morte dell'Uomo di Somerton aveva indotto le autorità a definirlo un «mistero senza precedenti" e si crede che la causa della morte non potrà mai essere conosciuta. 

Un editoriale ha dichiarato che questo caso è "uno dei misteri più profondi dell' Australia" e ha sottolineato che se fosse morto di un veleno così raro e non conosciuto che non poteva essere identificato da esperti in tossicologia, allora sicuramente il colpevole aveva una conoscenza elevata di sostanze tossiche, qualcuno esperto in materia. 
Il Rubaiyat di Omar Khayyam 
Intorno allo stesso periodo, come l'inchiesta, un piccolo pezzo di carta con le parole "Tamam shud"  
è stato trovato in una profonda tasca cucita all'interno della tasca dei pantaloni del morto. Alcuni funzionari della biblioteca pubblica furono chiamati a tradurre il testo .Fu identificato come una frase che significa "chiuso" o "finito" che si trova nell'ultima pagina di una raccolta di poesie intitolato The Rubaiyat di Omar Khayyam
Il tema di queste poesie è che si dovrebbe vivere la vita al massimo e non si deve avere rammarico quando questa finisce. Il documento era vuoto sul retro e la polizia ha condotto una ricerca ampia in Australia per trovare una copia del libro ma senza successo. Una fotografia del pezzo di carta è stato inviato alla polizia interstatali e rilasciato al pubblico,  che porta un uomo a rivelare di aver trovato una copia molto rara della prima edizione della traduzione di Edward FitzGerald di The Rubaiyat, pubblicato da Whitcombe e Tombe a New Zelanda, sul sedile posteriore della sua auto che era stata parcheggiata in strada di Jetty, Glenelg la notte del 30 novembre 1948. Non trovò nessuna connessione tra libro ritrovato e il caso dell'uomo defunto finché non vide un articolo nel giornale del giorno precedente. L'identità di quest'uomo e la professione sono stati trattenuti dalla polizia, come da lui richieto(voleva restare anonimo).
Il soggetto della poesia conduce la polizia a teorizzare che l'uomo si sia suicidato col veleno, sebbene non ci fosse nessun'altra prova a sostegno di questa teoria. Al libro mncavano le parole "Taman Shud" nell'ultima pagina che aveva il retro bianco, il test al microscopio indicavaa che il pezzo di carta proveniva dalla pagina strappata dal libro.
L'ultimo versetto del Rubaiyat, immediatamente prima di Taman shud è :

                                              E quando tu stesso con passi scintillanti passerai,
                                              tra gli ospiti sparsi di stelle sull'erba
                                              e nel tu gioiso messaggio raggiungerai il punto
                                              dove io ho fatto l'Uno svuota un bicchiere vuoto.


                             La grafia che mostra segni a matita sul retro di un libro di poesie di Omar Khayyam.  
                                                      Le marcature si presumono essere una sorta di codice.



Nel retro del libro ci sono dei segni a matita (cinque righe di lettere maiuscole), la seconda linea depennata. La sua somiglianza con la quarta linea  potrebbe indicare un errore e, quindi, la prova possibile, le lettere sono il codice:

Nel libro, non è chiaro se le prime due frasi iniziano con una "M" o "W", ma è ampiamente creduto che sia la lettera W, a causa della differenza  rispetto alla lettera colpita M. sembra che ci sia una linea eliminata o sottolineata di testo che recita "MLIAOI". Anche se l'ultimo carattere in questa riga di testo appare come un "L", è abbastanza chiaro con un esame più attento che le ultime lettere siano "oi" e che quella che sembra una L in realtà sia l'estensione della linea utilizzata per eliminare o sottolineare che riga di testo . 
Inoltre, le altre  "L" hanno una curva nella parte inferiore del carattere
C'è anche una "X" sopra l'ultimo 'O' nel codice, e non è noto se questo è significativo per il codice o non. Inizialmente, le lettere sono state pensate per essere parole in una lingua straniera prima che ci si fosse resi conto che si trattava di un codice. Gli esperti in codice furono chiamati,ma al momento di decifrare le righe non hanno avuto successo.
Quando il codice è stato analizzato dal Dipartimento australiano della Difesa nel 1978, hanno fatto le seguenti affermazioni:
- Ci sono simboli insufficienti per fornire un modello.
-I simboli potrebbero essere un sostituto del codice complesso o la risposta senza senso per una mente disturbata.
-Non è possibile fornire una risposta soddisfacente.

Inoltre nel retro del libro è stato ritrovato  un numero di telefono non in elenco  appartenente ad una ex infermiera che ha vissuto in Moseley St, Glenelg, a circa 400 metri  a nord del luogo in cui il corpo è stato trovato. La donna ha detto che mentre stava lavorando presso l'ospedale Royal North Shore di Sydney durante la seconda guerra mondiale possedeva una copia di The Rubaiyat, ma nel 1945, presso i Giardini Clifton Hotel a Sydney, lo aveva dato a un tenente dell'esercito di nome Alfred Boxall che serviva nella sezione "Water Transport" dell'esercito australiano.

Secondo quanto riportato dai media la donna ha dichiarato che dopo la guerra si era trasferita a Melbourne e si sposò. Più tardi aveva ricevuto una lettera da Boxall, ma gli aveva detto che era sposataHa aggiunto che alla fine del 1948 un uomo misterioso aveva chiesto di lei al suo suo vicino di casa.
Non ci sono prove che Boxall, che non sapeva che 'Powell era il suo nome da sposata, ha avuto alcun contatto con lei dopo il 1945. Il detective  Leane mostrò alla donna il busto in gesso dell' uomo morto  , la donna era in grado di identificarlo.
Secondo quanto descritto da Leane la reazione della donna alla vista del busto fu così forte che quasi sveniva.
La polizia ritenne che Boxall fosse l'uomo morto trovato in spiaggia fino a quando lo stesso Boxall fu trovato vivo con la sua copia di The Rubaiyat, completo di "Tamam shud" sull'ultima pagina
Boxall ora lavorava nella sezione di manutenzione al Randwick Bus Depot (dove aveva lavorato prima della guerra) e non aveva alcun legame con l'uomo morto.  
Nella parte anteriore della copia del Rubaiyat, che è stato dato a Boxall, la donna aveva scritto i eguenti versi:
                                  
                                  Davvero, davvero, il pentimento spesso prima giurai-
                                  ma ero sobrio quando giurai?
                                  E poi, e poi venne la primavera e la rosa nella mano.
                                  La mia pura minaccia di pentimento rotta a pezzi.

La donna ora viveva a Glenelg, ma ha negato ogni conoscenza con l'uomo morto o il perché avrebbe percorso il suo borgo, la notte della sua morte.  
Ella chiese inoltre che, dato che era sposata  di  non avere il suo nome registrato per evitare imbarazzo nell' essere legata all'uomo morto e a Boxall. 
La polizia acconsentì lasciando le successive indagini senza il beneficio di riaprire il caso.
In un programma televisivo sul caso, nella sezione in cui è stato intervistata Boxall, il suo nome è stato dato da una voce fuori campo, come Jestyn, apparentemente preso dalla firma"Jestyn" che segue il verso scritto nella parte anteriore del libro, ma questo è stato coperto quando il libro è stato visualizzato nel programma.
Questo è stato probabilmente un soprannome di "pet", ed era il nome che usava quando introdussero Boxall. I ricercatori hanno nuovamente indagando sul caso, hanno tentato di rintracciare Jestyn e si scoprì che era morto nel 2007. Il suo vero nome è considerato importante in quanto esiste la possibilità che possa essere la chiave per decifrare  il codice. In una video-intervista, Paul Lawson (che ha fatto il calco al corpo) si riferisce a lei come 'la signora Thompson.' Nel 2002, Gerald Feltus detective in pensione, che aveva gestito il "caso freddo", intervistò Jestyn e la trovò "evasiva" o "semplicemente non voleva parlarne", ha anche affermato che la sua famiglia non sapeva del suo collegamento con il caso.  
Feltus ritiene che Jestyn conosce l'identità dell'uomo di Somerton .  
Jestyn aveva detto alla polizia che era sposata, ma di non registrare il nome Jestyn sul ​​file della polizia, e non ci sono prove che la polizia al momento sapeva che lei era in realtà fosse celibe.

TEORIA DELLO SPIONAGGIO


Cominciarono a circolare delle voci su Boxall.Si diceva che fosse coinvolto nei servizi segreti militari durante la guerra, aggiungendo alla speculazione che il morto era una spia sovietica avvelenato da nemici sconosciuti. In un'intervista televisiva del 1978  con Boxall, l'intervistatore chiese ", Mister Boxall, lei ha lavoratoin una unità militare, prima di incontrare questa giovane donna [Jestyn]. Hai parlato con lei di tutto questo? "La risposta fu "No", e quando abbiamo chiesto se l'avesse potuto conoscere, Boxall rispose "no, a meno che qualcun'altro lo ha fatto ". Quando l'intervistatore ha continuato a sostenere che ci fosse una connessione spia, Boxall rispose dopo una pausa, "E 'una tesi abbastanza melodrammatica, non crede?"

Il fatto che l'uomo fosse morto ad Adelaide, la città più vicina alla capitale a Woomera, una zona top-secret di lanci missilitici e che vi si trovasse il luogo di intelligence(servizi militari segreti),  accentuò questa speculazione. È stato anche ricordato che un possibile luogo da cui l'uomo può aver viaggiato fino ad Adelaide era Port Augusta, una città relativamente vicino a Woomera.

Inoltre, nell'aprile del 1947 l'intelligenza dell'Esercito degli Stati Uniti servizio di segnali,  
ha scoperto che del materiale top secret fuoriuscì dal Dipartimento australiano degli affari esteri all'ambasciata sovietica a Canberra. Ciò ha portato nel 1948 il divieto(negli Stati Uniti)di trasferimento di tutte le informazioni classificate in Australia.
In risposta, il governo australiano ha annunciato che intende istituire un servizio nazionale di sicurezza segreta (che divenne l'Australian Security Intelligence Organisation (ASIO).


INCHIESTA PUBBLICA
Dopo l'inchiesta,fu realizzato un calco in gesso del mezzobusto dell'uomo. Il corpo fu poi sepolto nel cimitero di Adelaide West Terrace a spese dell'Esercito della Salvezza e il Sud Australia Tribuna Bookmakers 
Anni dopo la sepoltura, cominciarono a comparire fiori sulla tomba. La polizia interrogò una donna che lasciava il cimitero, ma lei sosteneva non sapeva nulla di un uomo.
Nello stesso periodo, la receptionist dall'Hotel Strathmore, di fronte alla stazione ferroviaria di Adelaide, ha rivelato che uno strano uomo era rimasto nella stanza 21durante tutto il periodo delle indagini,del Novembre 1948.  
Furono trovati detergenti in una cassa nera medica e una siringa ipodermica nella stanza.

Sepoltura dell'Uomo Somerton :14 giugno 1949. Con la sua tomba è sito il capitano dell'Esercito della Salvezza Em Webb, che conduce le preghiere, alla presenza di giornalisti e polizia. Da sinistra a destra sono: Unknown, il capitano Em Webb, Laurie Elliot, Bob Whitington, Unknown, SC Brice, brigadiere Scan Sutherland, Claude Trevelion.

Il 22 novembre 1959 è stato riferito che un certo E.B. Collins, un detenuto del carcere di Wanganui Nuova Zelanda, ha affermato di conoscere l'identità del morto.  
Ci sono stati numerosi i tentativi falliti, dalla sua scoperta negli anni 60, di decifrare il codice trovato sul retro del libro, compresi gli sforzi dell' intelligence militare e navale, matematici, astrologi e cracker di codice. Mentre nessuna risposta è stata accettata come corretta, una teoria principale è che il codice indica le lettere iniziali delle parole. Nel 2004, il detective in pensione Gerry Feltus suggerì in un articolo di posta "Sunday" la linea finale "ITTMTSAMSTGAB" potrebbe significare
"E 'ora di passare aSouth Australia Moseley Street ..." (l'ex infermiera viveva in Moseley Street, che è la strada principale che attraversa Glenelg).

             Lastra tombale dell'Uomo di Somerton trovato in Somerton Beach, Adelaide, al suo luogo di sepoltura                                             È deceduto il 1 dicembre 1948 e fu sepolto il 14 giugno 1949.

Nel 1978, la "Australian Broadcasting Corporation" ha realizzato un programma sul caso "Taman shud", intitolata "Il Mistero di Somerton Beach", dove il giornalista Stuart Littlemore indagava sul caso, incluse le interviste a Boxall,  e a  Paul Lawson, che ha fatto il calco in gesso del corpo, e che ha rifiutato di rispondere a una domanda se qualcuno avesse identificato il corpo.
Nel 1994 John Harber Phillips, Presidente della Corte Suprema del Victoria e presidente del Victorian Institute di Medicina Legale, ha esaminato il caso per determinare la causa di morte e ha concluso che "Non c'è dubbio che era digitalina(sostanza velenosa)". Phillips arrivò a tale conclusione per il fatto che gli organi erano ingrossati, coerentemente con la digitalina, e la mancanza di evidenti segni di malattia naturale e "l'assenza quindi di qualsiasi altra cosa vista al microscopio che potrebbe spiegare la morte". Tre mesi prima della morte dell'uomo, il 16 agosto 1948, una dose eccessiva di digitalina è stato segnalato come causa di morte per gli Stati Uniti Assistente Segretario al Tesoro Harry Dexter White.  
Egli era stato accusato di spionaggio sovietico in Operation Venona.
L'ex sovrintendente capo del sud dell' Australia Len Brown, che ha lavorato sul caso nel 1940, ha dichiarato che credeva che l'uomo provenisse da un paese dell'Europa dell'Est comunista , che ha portato alla incapacità della polizia per confermare l'identità dell'uomo.

Il caso è ancora considerato "aperto" presso la criminal task force  del sud dell' Australia  e il busto, ancora contenente fibre dei capelli di un uomo è in possesso del South Australia Police Historical Society. Qualsiasi ulteriore tentativo di identificare correttamente il corpo è stato ostacolato
dal fatto che la formaldeide utilizzata per imbalsamare il corpo ha distrutto gran parte del DNA e le altre prove non esistono più, come la valigia marrone, che fu distrutta nel 1986, e molte dichiarazioni, che sono scomparse dal fascicolo della polizia nel corso degli anni.

IL CASO MANGNOSON 
Il 6 giugno 1949, il corpo di un bambino di due anni, Clive Mangnoson è stato trovato in un sacco nella baia al largo delle colline di sabbia, a circa venti chilometri lungo la costa dal Somerton.                              Sdraiato accanto a lui c' era suo padre inconscio, Keith Waldemar Mangnoson ,  che è stato portato in un ospedale in una condizione molto debole, esposto al sole,  e dopo una visita medica, è stato trasferito in un ospedale psichiatrico.
Mangnosons era scomparso da quattro giorni, e si credeva che Clive era morto da ventiquattro ore quando il suo corpo è stato trovato. I due sono stati trovati dal signor Neil McRae , che affermava di aver avuto visto la posizione dei due in un sogno la notte prima.  
Come l'uomo di Somerton, il medico legale non ha potuto determinare la causa della morte del giovane Mangnoson, anche se si riteneva che non era per cause naturali.  
Il contenuto trovato nello stomaco del ragazzo è stato inviato per un analista al governo per un ulteriori esami. Dopo la morte del ragazzo, la madre Mrs Roma Mangnoson riferì di essere terrorizzata da un uomo mascherato. La signora Mangnoson ha dichiarato che "la sua auto si fermò e un uomo con un fazzoletto sul viso le disse di "non far intromettere la polizia altrimenti... ". Inoltre, un uomo simile era stato visto di recente  intorno alla casa.
Mrs Mangnoson ritiene che questa situazione era legata al tentativo del marito di identificare l'uomo di Somerton, credendo che fosse Carl Thompsen, che aveva lavorato con lui a Renmark nel 1939.

J.M.Gower, segretario dell'associazione del progresso largo nord ha ricevuto telefonate anonime minacciando che avrebbe fatto del male alla signora Mangnoson con un incidente se avesse interferito, mentre A.H. Curtis, il sindaco di Port Adelaide ha ricevuto tre telefonate anonime con minacce di "incidente" se "mettevno il naso nella vicenda Mangnoson ". La polizia sospetta che le chiamate possano essere una bufala e la persona possa essere la stessa che ha terrorizzato anche una donna in un sobborgo vicino che aveva da poco perso il marito in circostanze tragiche.
Subito dopo gli interrogatori della polizia sulle molestie, la signora Mangnoson crollò e richiese un trattamento medico.


IL CASO MARSHALL
Nel giugno del 1945, tre anni prima della morte dell'Uomo di Somerton, un uomo di Singapore di 34 anni di nome Joseph (George) Saul Haim Marshall fu trovato morto a Mosman, Sydney con una copia aperta del Rubaiyat di Omar Khayyam sul petto. La sua morte si crede essere un suicidio per avvelenamento. 
Per coincidenza, circa due mesi dopo la morte di MarshallJestyn Alfred Boxall dà una copia del Rubaiyat, nei Giardini di Clifton. Clifton Gardens si trova a solo un chilometro a sud di Mosman. Joseph Marshall era il fratello del famoso avvocato e primo ministro di Singapore Saul David Marshall. L'inchiesta si è svolta per Joseph Marshall il 15 agosto 1945; Gwenneth Dorothy Graham ha testimoniato durante l'inchiesta ed è stato trovato morto 13 giorni dopo a faccia in giù, nudo, in bagno con le vene tagliate.

ATTUALE TENTATIVO DI RISOLVERE IL CASO 
Nel marzo 2009 il team dell'Università di Adelaide, guidato dal professor Derek Abbott ha iniziato un tentativo di risolvere il caso decifrando il codice e proponendo di riesumare il corpo per verificare DNA.
Le indagini di Abbout hanno riaperto delle questioni . La polizia ad esempio, aveva creduto che le sigarette di marca Kensitas si trovassero nel pacchetto Army Club per la pratica comune di acquistare sigarette a basso prezzo e metterle in un pacchetto appartenente ad una marca più costosa (l'Australia era ancora in fase di razionamento in tempo di guerra). Tuttavia, un controllo indicò che le Kensitas erano in realtà sigarette costose, questa scoperta  apre la possibilità (mai indagato) che la fonte del veleno potrebbe trovarsi proprio nelle sigarette eventualmente sostituite a insaputa della vittima .  

Abbott ha anche rintracciato il cotone Barbour incerato del periodo e ha trovato variazioni di confezionamento. Questo può fornire indizi per paese in cui possono essere stati acquistati.
La decodifica del "codice" è ripartita da zero.  
È stato determinato che la frequenza di lettere è sensibilmente diversa da lettere scritte in modo casuale, la frequenza deve essere ulteriormente testata per determinare se il livello di alcool dello scrittore potrebbe alterare la distribuzione casuale. Il formato del codice sembra anche seguire il formato della quartina di Rubaiyat sostenendo la teoria che il codice è un  algoritmo di crittografia preimpostato (One-time pad "OTP")
A tal fine le copie del Rubaiyat (anche il Talmud e la Bibbia) sono confrontate con il codice che usano i computer per ottenere una base statistica per le frequenze delle lettere, anche se il codice è così breve può richiedere l'edizione esatta del libro usato. Con la copia originale perduta nel 1960, i ricercatori sono alla ricerca di una edizione FitzGerald (?) senza successo.
L'inchiesta aveva accertato che i reperti autoptici dell'Uomo di Somerton del 1948 e il 1949 sono ora dispersi. Maciej Henneberg, professore di anatomia presso l'Università di Adelaide, ha esaminato le immagini delle orecchie dell'uomo di Somerton e ha scoperto che il cymba (parte superiore dell'orecchio cavo) è più grande del suo cavum (parte inferiore dell'orecchio cavo), una caratteristica posseduta da solo 1-2% dei la popolazione caucasica.  
Nel maggio 2009, il professor Derek Abbott ha consultato esperti dentali e conclude che l'uomo di Somerton aveva l' ipodonzia (una rara malattia genetica) dei due incisivi laterali, una caratteristica presente solo nel 2% della popolazione generale. Nel giugno del 2010, Abbott ha avuto una fotografia dal figlio di Jestyn che ha mostrato chiaramente le sue orecchie e denti. La fotografia mostra che il figlio non aveva solo una cymba più grande del suo cavum, ma anche l'ipodonzia.  
La possibilità che questa è una coincidenza è stata stimata tra 1 su 10 milioni e 1 su 20 milioni.

Sulla sinistra l' orecchio dell'uomo di Somerton indicante la cavità superiore (cymba) che è maggiore della cavità inferiore (cavum). Sulla destra si trova un orecchio normale, mostrando che la cava superiore è in genere molto più piccolo. Il tipo di orecchio dell'uomo Somerton è posseduto solo dall'  1-2% della popolazione caucasica ed è un indizio importante per restringere la sua identità. E 'possibile che eventuali parenti dispersi possono avere questa funzione.

I media hanno suggerito che il figlio di Jestyn, che era di 16 mesi nel 1948 e morì nel 2009, potrebbe essere stato un figlio illegittimo di Boxall o dell'Uomo Somerton e spacciato per suo marito
Il test del DNA potrebbe confermare o eliminare questa speculazione. In un programma di attualità sugli sforzi del team, Gerry Feltus (detective in pensione), che ha lavorato sul caso per molti anni, ha ammesso che sapeva l'identità della donna misteriosa, ma, voler proteggere la privacy della donna, e si rifiutò di rivelarlo. Tuttavia, non concede Feltus ci sono differenti percorsi di informazione, pubblicamente disponibili, che portano alla sua identità.
Abbott ritiene che una esumazione e la prova del DNA autosomico sarebbero in grado di collegare l'uomo di Somerton ad una lista di cognomi che, con indizi esistenti sull' identità dell'uomo, si troverebbe il "pezzo finale del puzzle." Tuttavia, nell'ottobre 2011, il procuratore generale John Rau rifiutò il permesso di riesumare il corpo affermando: "C'è bisogno di motivi di pubblico interesse che vanno ben oltre la curiosità del pubblico o di vasto interesse scientifico". Nel mese di aprile 2012, un gruppo di cittadini interessati, guidata da Tracey Bryan, ha avviato una petizione per cercare di annullare tale decisione .
Feltus si è detto ancora contattato da persone in Europa che credevano che l'uomo era un parente scomparso, ma non credo che una esumazione e raggruppare la famiglia dell'uomo fornirebbe una risposta ai parenti, "durante quel periodo così tanti criminali di guerra hanno cambiato i loro nomi e trasferiti in
diversi paesi ". 
Come un giornalista ha scritto nel 1949, alludendo alla linea in The Rubaiyat, "l'uomo di Somerton sembra aver la certezza che il bicchiere sarebbe stato vuoto, tranne che per la speculazione."

IL CASO DI H.C. REYNOLDS 
Nel 2011, una donna di Adelaide contattato Maciej Henneberg su una scheda di identificazione di un Reynold HC che aveva trovato in possesso di suo padre. La carta, un documento rilasciato negli Stati Uniti ai marinai stranieri durante la prima guerra mondiale è stato dato biologico antropologo Maciej Henneberg nel mese di ottobre 2011 per il confronto della fotografia ID a quella dell'uomo Somerton. Mentre Henneberg trovò somiglianze anatomiche caratteristiche come il naso, labbra e occhi, credeva che non erano affidabili come la stretta somiglianza dell'orecchio. Le orecchie condivisi da entrambi gli uomini erano un match "molto buono", anche se Henneberg trovato anche quello che ha definito un "identificatore univoco" un neo sulla guancia che era la stessa forma e nella stessa posizione in entrambe le fotografie

     "Insieme con la somiglianza delle caratteristiche dell'orecchio, questo neo, in un caso legale, mi avrebbe permesso di fare una dichiarazione rare positivamente identificare l'uomo Somerton".


La carta d'identità, numero 58757, è stato rilasciato negli Stati Uniti il 28 febbraio 1918 al H.C. Reynolds, dando la sua nazionalità "Britannica" e l'età di 18 anni. Ricerche condotte dalla US National Archives, National Archives Regno Unito e il Australian War Memorial Research Centre sono riusciti a trovare tutti i record in materia di H.C. Reynolds. La polizia criminale della maggiore succursale del sud dell'Australia, che hanno ancora il caso come aperto, indagherà con le nuove informazioni.
 







2 commenti:

  1. Articolo interessante, senonchè la traduzione è pessima e manca la citazione della fonte per leggerlo direttamente in inglese. Cosa che avrebbe reso comprensibili molti passaggi tradotti in modo automatico e senza che restituiscano un senso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao :) grazie. In effetti hai ragione. Ho scordato la fonte. Me ne scuso. Ecco a te: https://en.wikipedia.org/wiki/Taman_Shud_Case

      Elimina